Visita Citroën Business tra secondi

caratteristiche city car

GUIDA ALLA SCELTA DELLA CITY CAR

In passato criticate per l’attenzione quasi esclusiva posta dai costruttori alla loro praticità, negli anni le city car sono state in grado di strappare sempre più consensi tra gli automobilisti grazie a un’impareggiabile combinazione di doti di comfort, sicurezza, estetica e funzionalità condensate in pochi metri di spazio. Scopriamo dunque perché le city car sono così amate oggi e come orientarsi nell’acquisto di un modello appartenente a questo segmento così di “tendenza” sul mercato italiano.

LE CITY CAR DI IERI E DI OGGI

Un tempo la city car era la scelta obbligata di chi aveva a disposizione un budget limitato per l’auto, a prescindere da quale fosse l’uso che ne faceva: scelta come mezzo per i lunghi viaggi, stipata di bagagli e passeggeri, non era raro vederla sfrecciare su autostrade così come su stradine di montagne. La sicurezza, bisogna dirlo, non era la migliore delle loro qualità, primato che invece spettava invece, per l’appunto, alla convenienza del loro prezzo d’acquisto ed economia di regime. La scelta ricadeva dunque inevitabilmente, per chi aveva poco denaro da dedicare all’acquisto dell’auto, sulle utilitarie più piccole, con la consapevolezza che il risparmio avrebbe comportato anche diversi sacrifici sia dal punto di vista della sicurezza, sia da quello della comodità e dell’estetica.

Rispetto a qualche anno fa il panorama delle city car è tuttavia cambiato radicalmente e molti di questi modelli vantano oggi caratteristiche di comfort e tecnologia che le avvicinano alle auto di categoria superiore. Inoltre, non di rado, riescono a totalizzare punteggi molto alti nei test di sicurezza Euro NCAP, una certezza che, per molti guidatori con modeste necessità di spazio, può rivelarsi decisiva nell’acquisto di una city car preferendola a una piccola berlina o una monovolume.

PERCHÉ ACQUISTARE UNA CITY CAR

Scegliere una city car permette di risolvere alcune delle maggiori problematiche legate al fatto di abitare in città o in un paesino arroccato sulle montagne: ad esempio la difficoltà di manovrare l’auto in parcheggi angusti, di sgusciare velocemente fuori da una rotonda e recuperare il tempo perso in coda ripartendo con agilità da un semaforo verde appena scattato, o ancora incrociare, su strette strade a doppio senso, le macchine che provengono dalla direzione opposta cedendo loro il passaggio senza essere costretti a lunghissime (e pericolose) manovre in retromarcia. Quello della maneggevolezza è chiaramente il vantaggio più immediato, ma ve ne sono altri altrettanto interessanti.

Uno di questi è il prezzo: le city car  sono auto economiche per eccellenza, una convenienza resa possibile dall’impiego di una quantità minore di materiale, senza che tuttavia ciò comporti uno standard qualitativo inferiore, ad esempio, a quello di una berlina a due volumi. Con meno di 15.000€ è quindi possibile acquistare una city car di tutto rispetto, facile da parcheggiare e dai consumi esigui: sono questi i fattori che rendono particolarmente adatte le city car per neopatentati, che rappresentano fuori di ogni dubbio un miglior investimento, rispetto a una microcar guidabile senza patente, in virtù della maggior sicurezza che garantiscono su strada. Essendo inoltre fra le auto più acquistate dagli italiani, avviene spesso che le Case applichino interessanti offerte sull’acquisto di city car nuove, andando così a ridurre ulteriormente il budget iniziale necessario.

caratteristiche city car C3

QUALE CITY CAR SCEGLIERE

La varietà dei modelli, delle motorizzazioni e degli optional a propria disposizione rende a volte molto complicato individuare la city car più adatta ai propri bisogni. Ecco dunque qualche domanda da porsi nel momento in cui ci si trova a scegliere la macchina destinata ad accompagnarci.

CITY CAR CON CAMBIO AUTOMATICO O MANUALE?

La scelta fra cambio automatico e manuale, anche per quanto riguarda le auto di segmento A, è una delle le più dibattute fra gli automobilisti. La decisione finale però dipenderà soprattutto dalla propria sensibilità al volante: per chi ama sentirsi completamente padrone della strada, dei cambi di velocità e delle ripartenze la scelta ricadrà naturalmente sul cambio manuale; chi invece predilige uno stile di guida più docile potrà valutare anche l’opzione della trasmissione automatica, in grado di togliere un po’ di stress durante le code in città o in autostrada. È comunque consigliato provare, prima dell’acquisto, entrambe le versioni in modo da scegliere quella che risulti più confortevole rispetto al proprio modo di guidare. Attenzione anche al listino, perché in genere solo un tipo di trasmissione è incluso nel prezzo di base.

MOTORI E CONSUMI A CONFRONTO:

City car elettriche o benzina?

Non è semplice definire a priori quale city car consuma meno, perché il consumo dipende in primo luogo dal tipo di utilizzo che si fa della macchina e quanto quella specifica auto si adatti non solo al nostro stile di guida, che nei limiti del possibile possiamo “educare”, ma anche al tipo di strada che percorriamo più spesso. Ad esempio, su cicli prevalentemente urbani la scelta di un motore diesel è fortemente sconsigliata, poiché la ripresa lenta tipica di questi propulsori, su strade dove i cambi di velocità e marcia sono molto frequenti, costringerebbe a un intenso consumo di carburante. Inoltre, sempre più città chiudono il centro urbano alle auto diesel, anche se omologate alle ultime direttive anti-inquinamento. Meglio allora, se si è guidatori cittadini, optare per un’ibrida o una city car elettrica (che consentono tra l’altro di ignorare le ZTL), oltre che per auto a benzina con una bassa cilindrata e un buon numero di cavalli, adatte quest’ultime anche per cicli extraurbani.

DI QUALI OPTIONAL NON FARE A MENO?

L’estate è un momento critico per guidare la macchina, specialmente quando si formano lunghissime code sotto il sole: per questo l’optional del climatizzatore  è davvero irrinunciabile se si abita in città dove le temperature raggiungono picchi estivi molto alti e la circolazione non è delle più agevoli. Se non si rientra in queste casistiche, meglio investire il proprio budget nell’aggiunta, ad esempio, del sistema di frenata automatica d’emergenza, ormai presente nell’elenco di optional di molte city car e davvero prezioso in città. Non rinunciate poi alle 5 porte, se volete viaggiare comodi in 3, con un bambino sul sedile posteriore o semplicemente caricare e scaricare la macchina con maggiore agio.

LA GAMMA CITY CAR CITROËN

La gamma delle city car Citroën prevede tre principali modelli, tutti guidabili anche dai neopatentati e accomunati da dimensioni compatte, vivacità di guida e stile frizzante. Citroën C1 è uno dei modelli più interessanti della sua categoria, grazie alle prestazioni molto brillanti del suo motore tricilindrico aspirato da 1.0L che raggiunge velocità di picco conformi anche a una guida scattante su autostrada. Inoltre, i rapporti fra le marce sono piuttosto lunghi, fattore che agevola la tranquillità nella guida cittadina e in quella montana che, seppur molto diverse fra loro, sono accomunate dalla necessità di cambi continui e accelerate veloci: agli incroci, alle rotonde e ai semafori nel primo caso, nelle manovre in salita nel secondo. Sul versante della sicurezza offre sei airbag di serie e un sistema di controllo dell’aderenza; tra gli optional più utili menzioniamo invece la frenata automatica d’emergenza e l’avviso di superamento della linea di carreggiata.

 

L’Active City Brake è presente anche sulla sorella maggiore Citroën C3, utilitaria dalle linee accattivanti: il sistema identifica ostacoli fissi, mobili e pedoni e funziona a partire dai 5 km/h di velocità. Nella versione Cactus la carrozzeria risulta protetta grazie agli esclusivi Airbump®, di cui è possibile personalizzare il colore scegliendone uno a contrasto con quello della livrea. Citroën C3 è inoltre dotata di una tecnologia di assistenza per le partenze in salita e di un sistema per il monitoraggio degli angoli ciechi, aiuti preziosi per chi usa la macchina su strade con molte curve e/o scarsa visibilità. Questo modello è disponibile sia con motorizzazioni a benzina (1.2 da 68 CV o da 82 CV con Start&Stop, abbinati a trasmissione manuale, o 110 CV con trasmissione automatica) sia a diesel (1.5 da 100 CV con Start&Stop, solo manuale). L’opzione diesel è utile per chi percorre molti chilometri annualmente, soprattutto su tratti autostradali.

Completa la gamma di city car Citroën C-Zero, opzione ideata per chi viaggia prevalentemente in centri urbani percorrendo poche decine di chilometri alla settimana. Si tratta di una city car elettrica in grado di esprimere una potenza di 49 kW e dotata di un’autonomia in full electric  di 150 km. La batteria da 14,5 kWh può essere ricaricata attraverso una normale presa domestica, presso una stazione di ricarica (in soli 30 minuti con corrente monofase da 125 ampere) e, in parte, in viaggio, sfruttando l’energia cinetica nelle fasi di decelerazione. Stilosa fuori e dentro, guidabile anche da neopatentati, Citroën C-Zero è la più piccola delle city car Citroën: con i suoi 347 cm di lunghezza può essere parcheggiata davvero ovunque! Nella sua dotazione di serie è incluso il climatizzatore semi-automatico, oltre alle luci posteriori LED, gli airbag frontali e laterali e all’ESP. Un incentivo in più all’acquisto? La garanzia di 8 anni (o 100.000 km) sul veicolo.

 

Top