Visita Citroën Business tra secondi
Chiudi
Chiudi
Chiudi

Rete Demolitori

RITIRO E RICICLAGGIO DEI VEICOLI DA ROTTAMARE

La normativa italiana e le risposte di Citroën

In ottemperanza con la normativa italiana attualmente in vigore (D.L. 209/2003 e D.L. 149/2006) Citroën ha stretto accordi con molti Centri di Demolizione distribuiti in tutta l’Italia e realizzato una Rete di centri di raccolta e di demolizione per i veicoli a fine vita.
La normativa in vigore prevede, infatti, che i Costruttori e gli Importatori di veicoli nuovi, organizzino il ritiro dei veicoli a fine vita e da essi immessi sul mercato, garantendo un trattamento rispettoso dell’ambiente.

La normativa prevede, infatti che i Costruttori/Importatori di veicoli, insieme a tutti gli operatori economici della filiera, rispettino, annualmente, gli obiettivi di riciclaggio e recupero energetico dell’85% del peso del veicolo e, dal 2015, del 95%.
Il ritiro del veicolo a fine vita deve essere gratuito per l’ultimo possessore e si applica ai veicoli immatricolati e registrati definitivamente in Italia per trasporto persone fino a nove posti (compreso il conducente) e per i veicoli commerciali fino a 3,5 t.

  • Per poter conferire a titolo gratuito (salvo i costi amministrativi per la radiazione dal Pubblico registro Automobilistico e di trasporto) il tuo veicolo Citroën da rottamare, dovrai rivolgerti a uno dei Centri di raccolta e ritiro della nostra Rete di Demolitori, di cui troverai di seguito l'elenco aggiornato.
  • Se invece, stai acquistando un nuovo veicolo Citroën, potrai anche consegnare direttamente il veicolo Citroën da rottamare, presso il Concessionario ove hai finalizzato l’acquisto.
  • Il ritiro del veicolo da rottamare a titolo gratuito, è, inoltre, subordinato, come prevede la normativa, alle seguenti condizioni:
  1. il veicolo sia reso completo in tutte le sue componenti essenziali, quali motore, cambio, carrozzeria, centraline elettroniche, catalizzatore
  2. non deve contenere nessun rifiuto aggiunto (per es. pneumatici aggiuntivi, rifiuti domestici, di potatura ecc.)

Aggiornato a gennaio 2015

Top